Domanda: La Dash Cam è legale ?


Utilizzo della Dash Cam.

Una telecamera montata in auto per registrare la strada mentre stai guidando in città o in autostrada.
Il tutto per avere le prove in proprio difesa in caso di successo o incidente stradale. Ma c'è anche chi punta sull'interno dell'abitacolo, per fare filmati da postare sui social network o per creare dei video da influencer.
Il nome tecnico è Dash Cam, se invece la ripresa è in direzione della cabina di guida, vengono chiamate TaxiCam. Lo scopo della macchina è avere un occhio continuamente sulla scena e sui passeggeri, in grado di memorizzare le immagini e conservarle per un lungo periodo di tempo.
È legale la Dash Cam o la TaxiCam? È quello che cercheremo di capire in questo articolo.



Privacy ?

In dibattimento, la visione di filmati contenenti dati personali ad una cerchia ristretta di soggetti (in primis il giudice e poi i periti, i rappresentanti delle compagnie di assicurazione, gli avvocati e la controparte) non costituisce violazione della privacy né necessita di consenso della controparte, potendo ravvisare il fine esclusivamente personale del trattamento dei dati personali connesso alla tutela di diritti propri in sede giudiziaria, fattispecie rientrante nell'art. 5, comma 3, in combinato disposto con l'art. 24, comma 1 lettera f) del D.Lvo 196/2003.



Il video della Dash Cam, che valore ha?

Ci viene subito da pensare alla normativa della Privacy quando si pensa a una telecamera con registrazione continua e sempre puntata contro la strada e gli altri che vengono ripresi inavvertitamente e inconsapevolmente.

Da un vigile non può essere considerata un'infrazione solo perché trova una Dash Cam installata sul parabrezza della vostra auto che riprende la strada.
L'infrazione non può essere considerata la registrazione dei filmati ma il successivo utilizzo del materiale video.

In un eventuale processo le registrazioni video hanno valore legale?

Immaginate un vigile che sostiene di avervi visto passare col rosso mentre invece il filmato dimostra il vostro passaggio col verde; oppure una situazione di un  incidente a un incrocio dove il conducente coinvolto sostiene che eravate in eccesso di velocità, cosa che la Dash Cam smentisce clamorosamente sopratutto se dotata di modulo GPS che registra la vostra velocità sul filmato.
Un video può essere una prova? È possibile, in caso di incidente stradale, usare i filmati della Dash Cam come "prova" per dimostrare la propria innocenza davanti alla polizia o in un'aula di tribunale?

Nel processo civile i video possono essere una prova solo se non contestati dalla controparte. Tuttavia la contestazione non può essere generica e secondo la Cassazione deve basarsi su fatti convincenti.
Attualmente non esiste alcuna normativa nel nostro paese che disciplina l'utilizzo delle Dash Cam e nelle "prove atipiche" del processo rientrano anche le registrazioni della Dash Cam che possono essere valutate dal giudice.

In pratica, sarà il giudizio ad accertare, caso per caso, se quelle immagini potranno essere usate come prova. Si può chiedere che le riprese siano acquisite dalla polizia in caso di contestazione dell'infrazione.



Risposta: SI

Menu

Impostazioni

Crea un account gratuito per utilizzare le liste dei desideri.

Accedi